Pin It
pianeta donna baby talk

Il primo libro sulle emozioni: per piccolissimi

guarda che faccia!

Guarda che faccia!

Cosa sono le emozioni? come parlarne ai bambini? Un libro che può aiutare i bambini a conoscere le proprie emozioni, riconoscendole nel volto degli altri è quello che Nati per Leggere consiglia tra i primissimi libri, da leggere con i bambini, fin dalla nascita: Guarda che faccia! di S. Manetti, P. Causa, Redazione Quaderni ACP – Giunti Kids.

Sul sito si legge che:

“Fissando il volto di chi lo circonda, il bambino impara a decodificare espressioni, umori e intenzioni. Ecco perché i sei volti fotografati in Guarda che faccia! costituiscono un ottimo avvio al rapporto di amicizia con i libri: il bambino sa già che le facce possono comunicare gioia, stupore, rabbia, sofferenza e, attraverso il libro, compie l’importante passaggio dall’oggetto reale all’immagine che lo rappresenta“.

In un post precedente, abbiamo visto che la ricerca ha dimostrato che i bambini nascono socialmente attivi e predisposti proprio a cercare e interagire con i volti umani, preferendoli ad immagini che sommano in modo confuso i lineamenti.

Scrambled faces

 

E’ facile sperimentare l’effetto dei volti e delle emozioni dei bimbi piccoli anche selezionando immagini da altri libri o giocando con loro.

Avete altri consigli per i piccolissimi?

Per restare in contatto con il blog, segui il gruppo su Facebook o iscriviti per e-mail, usando i pulsanti qui a destra.

Altri suggerimenti molto interessanti, per i bambini un po’ più grandi, li segnalano molte delle altre mamme che partecipano oggi al Venerdì del Libro di Homemademma, a questo link.

 

Per stare in contatto e continuare insieme questo viaggio di racconto e ricerca,puoi unirti su facebook o ricevere gli aggiornamenti per e-mail iscrivendoti sul blog.

11 Commenti a “Il primo libro sulle emozioni: per piccolissimi

  1. Noi abbiamo avuto a che fare con diversi libri che riguardano le emozioni ma temo che siano per bambini più grandicelli… L’alfabeto delle emozioni, di Nicoletta Costa, è stato un po’ difficile anche per noi…

  2. Anch’io l’ho visto in biblioteca e preso in prestito quando Simpatica Canaglia era piccolo, ma non mi ricordo che effetto avesse sortito. Purtroppo non ho consigli da darti ma vedrai che qualche altra mamma blogger ne avrà….

  3. Pingback: LIBRI: i gelati | mimangiolallergia

  4. Ho avuto la fortuna di riceverlo in regalo dalla pediatra che si occupa di vaccinazioni nella sede asl dove mi rivolgo, una pediatra che ha adertito alla iniziativa Nati per leggere: è stato il primo libro cartonato di mio figlio, dopo alcuni libretti di stoffa, e è stato vissutissimo.
    Esiste una edizione molto simile di un’altra casa editrice, se riesco a trovare titolo e casa editrice torno a postarlo: settimana scorsa l’ho visto in vendita sia da feltrinelli che in un centro commerciale.
    Buona serata
    Grazia

    • Ciao! Immagino che sia stata una bella esperienza, speriamo che il progetto si diffonda sempre più! Mi fa motlo piacere se ci dai i riferiemnti del libro di cui parli, infatti quello del post per alcuni è stato difficile da reperire… Noi lo abbiamo ordinato in libreria ed è arrivato prestissimo, a pochi euro. Anche il nostro è vissutissimo! Grazie!

  5. Buonasera, io non sono una mamma e non posso consigliare alcun libro,ma mi sono trovata per caso in questa pagina dato che sto effettuando una ricerca per il mio lavoro di tesi di laurea. Sto argomentando la mia tesi sulle emozioni che provano i bambini disagiati a livello sociale, nonché bambini che vivono in comunità o reduci da divorzi dei genitori. Vorrei chiedervi se avete qualche libro da consigliarmi per approfondire il mio lavoro. Vi ringrazio anticipatamente e spero possiate rispondermi quanto prima. :)

  6. Pingback: Homepage

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>