Pin It
pianeta donna baby talk

Bambine e bambini maestri: la nostra appartenenza

 

Il respiro

In questi giorni riflettevo su quante volte di giorno, ma soprattutto di notte, in questi mesi, sono rimasta con il fiato sospeso in attesa di sentire il respiro della mia bimba arrivare dall’altra stanza. In questi giorni, in particolare, dopo il terremoto che ha sconvolto l’Emilia Romagna e segnato tutti noi, ancora una volta, l’insonnia e la preoccupazione hanno amplificato la mia attesa di un respiro che mi dica mamma sto bene, sto dormendo serena.

Siamo abituati a pensare all’anima come alla “sede delle facoltà spirituali dell’uomo”, ma il  suo significato originario, per metafora, rinvia al respiro e gli ‘animali’ sono gli essere animati, che hanno un principio vitale, che respirano. In alcune religioni questo principio è fondamentale, per ragioni diverse. Trovo che la metafora dell’anima/respiro ci dica molte cose, ma una sopra tutte mi viene in mente in questi giorni: mentre l’anima intesa in senso individualistico è un bene che ci appartiene, considerato immortale e autonomo, il respiro ci mette in relazione, ci fa capire quanto il nostro essere sia legato agli altri e al mondo intero e che, anche se di fronte ad alcuni eventi siamo piccoli e impotenti, è lo stare insieme che ci salva.

Questa rubrica dedicata alle ‘bambine e dei bambini maestri’ prende spunto dalla concezione di M. Montessori, secondo la quale “Il bambino è “maestro” di se stesso, perché deve “approfittare” di ciò che la natura ha predisposto per la sua crescita, fisica e psichica. In questo, diviene anche nostro “maestro”, perché ci offre la possibilità, osservando il suo comportamento, di scoprire le “leggi” alle quali, se non ostacolato, sta rispondendo”.

Gli altri appuntamenti di questa rubrica li trovate qui. Per partecipare, potete scrivere direttamente qui nei commenti oppure, per chi ha un blog, scrivere un post e mettere  il link nei commenti.

Oggi partecipa con un post

Marzia, Bambine e bambini maestri: # la consapevolezza

Per stare in contatto e continuare insieme questo viaggio di racconto e ricerca,puoi unirti su facebook o ricevere gli aggiornamenti per e-mail iscrivendoti sul blog.

2 Commenti a “Bambine e bambini maestri: la nostra appartenenza

  1. Arrivo solo ora a leggere questa metafora bellissima del respiro. Anche nei momenti peggiori seguire il respiro del sonno profondo di mio figlio mi dava tanta quiete. Per noi il periodo di co-sleeping, anche se piu’ lungo del previsto, e’ stato importante per quello, per riprendere fiato insieme.
    Grazie per il link al mio post, sono forse andata fuori tema, ma sono giorni strani in cui sento di dover ascoltare e imparare di più.

    • Ciao Marzia, grazie per aver partecipato! Non sei andata fuori tema, il tuo bambino è un maestro dolcissimo anche se, come dici sempre, veloce veloce :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>